Il Grande Amore, sei anni dopo: six years later

 

grande-amore

Il titolo potrebbe sembrare il sottotitolo che spesso si legge in sovra impressione alle prime immagini di un film. Il Grande Amore sei anni dopo potrebbe anche essere il titolo di un libro.

La storia sarebbe una delle più banali?

Forse sì e forse no. Forse spesso si idealizza un amore, si pende dalle labbra di una persona a tal punto da non vederne i difetti e quando un Amore finisce ci si sente così spiazzate da non sapere cosa fare, che direzione dare alla nostra vita.

Una direzione?

Sarebbe già tanto se riuscissimo a dare un senso alla vita che ci resta, figuriamoci una direzione! Sì, so come si pensa dopo la fine di una relazione, di un matrimonio, di una storia importante.

Chi almeno una volta nella vita non ci è passata? Non vi dico di alzare la mano perché non vi vedrei!

Ma sono certa che è capitato a moltissime persone.

Per me il dolore è stato doppio, doppio perché ho deciso di mettere io fine ad una relazione che mi faceva solo del male, con un uomo che credevo perfetto e invece non lo era.

Che dire?

Accecata dall’amore non avevo considerato tutte le pedine in gioco. Purtroppo quando lo lasciai lo amavo ancora. Puoi immaginare come ci si senta a lasciare un uomo che ami perché la relazione non ha futuro?

Immaginarlo non è come viverlo, comunque. Piangevo ogni santo giorno. Mi alzavo con gli occhi gonfi non di sonno, ma di pianto e andavo a letto la sera dopo aver pianto tutte le mie lacrime. Eppure ho tenuto duro.

Il tempo guarisce le ferite. Me lo ripetevo ogni giorno e oggi, che sono passati sei anni, a dire il vero quasi sette, posso dire che il Grande Amore fa parte del passato.

Il Tempo aiuta a dare una nuova dimensione alle cose. Vedi le persone per quello che sono, non per come le hai sognate e immaginate.

Il Tempo stempera i dolori e sul cammino incontri altre persone con le quali stringere amicizie. magari anche nuovi amori che ti rendono felice, di quella felicità vera, che non comporta anche una stessa dose di sofferenza.

E poi aiuta a maturare, a capire, a fare bilancia, a staccarsi da storie finiti, magari sbagliate.

Ecco. Io a quasi sette anni di distanza non rimpiango l’uomo che ho perso. Sì, ricordo la sofferenza, il dolore, il desiderio e i sogni.

Ogni tanto ci sentiamo al telefono. No, non è assurdo. Ho pensato che, se non potevamo essere una coppia, potevamo almeno essere amici.

Certo non è stato facile. All’inizio lui ci provava sempre, convinto che sarei tornata sui miei passi, ma lasciarlo mi aveva reso più forte e giorno dopo giorno mi sono resa conto che anche da sola potevo farcela.

Così è stato.

Non ero ancora pronta per un nuovo amore, non ne cercavo, ma poi ho incontrato una persona davvero speciale che ha saputo guarire le ferite del mio cuore e oggi posso dire di essere davvero felice.

Lui invece no, lui rimpiange la nostra storia, non è felice, ha continuato a vivere nello stesso modo, andando avanti per inerzia.

Senza ombre

So come si sta appena una storia finisce, ma voglio dirti che si può superare, che si può stare meglio. Che la vita va avanti. Sì, sembra impossibile, ma è assolutamente vero.

Siamo forti. Possiamo farcela e se hai bisogno di parlarne, di sfogarti… puoi scrivere in redazione, mi fa sempre piacere ricevere posta!!!

Un abbraccio

Tessy

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con le amiche!

Lascia un commento e facci sapere cosa ne pensi. In redazione amiamo ricevere i vostri messaggi.

Segui la pagina di AmoreSepariamoci su Facebook, Google+, Pinterest, Twitter e Tumblr. Condividi o lasciaci i tuoi like, ne saremo felici.

Tessy

Sono una blogger e giornalista, amo scrivere!

Ciao, lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: