Mantenimento dei figli dopo la separazione

mantenimento dei figli

Figli nati nel matrimonio e fuori sono stati comparati dalle recenti riforme per cui è dovere dei genitori mantenere i figli fino alla maggiore età e oltre, fino a quando non siano monetariamente auto sufficienti.

Per i figli è previsto un assegno di mantenimento da parte dei genitori che possa coprire le loro esigenze e garantire il tenore di vita che hanno goduto durante la convivenza dei genitori. L’assegno deve essere versato ogni mese, non può quindi essere dato in un’unica soluzione risolutiva.

Per stabilire l’ammontare dell’assegno per il mantenimento dei figli, versato da un genitore all’altro viene calcolato a seconda di quanto tempo passa a casa di uno e dell’altro, i compiti domestici, l cure che ogni genitore presta al figlio, le mansioni, le risorse economiche di entrambi.

Riguardo all’assegno destinato ai figli è bene sapere che non è deducibile. Se l’assegno fosse cumulativo tra figli ed ex moglie, la deducibilità è ridotta al 50%, se invece l’assegno è corrisposto in una soluzione unica non può essere dedotto nemmeno l’importo dato alla ex moglie.

Chi ha percepito l’assegno in un’unica soluzione non deve sottoporlo a tassazione.

I soldi possono essere dati tramite assegno o contanti, secondo le norme di legge antiriciclaggio, ovvero per importi inferiori ai mille euro. In qualche modo però, anche se non è richiesta tracciabilità è sempre meglio avere le “prove” di aver versato la somma pattuita conservandone le evidenze.

In ogni caso l’assegno viene stabilito in primo luogo in fase di separazione dal giudice. Un buon avvocato sarà in grado di darvi l’aiuto necessario ad ottenere che i vostri diritti siano rispettati.

[Total: 0 Average: 0]

3 pensieri riguardo “Mantenimento dei figli dopo la separazione

Ciao, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: