Separati sotto lo stesso tetto: come dividere gli ambienti

Separati sotto lo stesso tetto: come dividere gli ambienti
Separati sotto lo stesso tetto: come dividere gli ambienti

Separati sotto lo stesso tetto, ma come suddividere gli spazi per avere ognuno un po’ di privacy? Spesso abitare insieme anche dopo essersi separati è una necessità, un bisogno che nasce dal non poter mantenere due appartamenti differenti.

A volte non si guadagna abbastanza così si decide di “stare insieme“. Lo si può fare solo se aldilà di tutto si va d’accordo e in qualche modo si è amici. Oppure si è bravi ad ignorarsi l’un altro.

Come rendere però la convivenza un po’ più piacevole? O meno pesante? Come ritagliarsi angoli della casa con una certa privacy? 

Non sempre è possibile creare nuove murature e divisori in casa, anche se oggi, con cartongesso e simili, non occorre poi tanto. 

La soluzione migliore sono i mobili e le tende, come quella che vedete nella fotografia. Io la trovo molto carina e assolve perfettamente ai bisogni.

Certo non impedisce di sentire rumori e conversazioni, ma questo è un altro discorso. Con una tenda si può dividere una camera da letto, un salotto e anche altre stanze, ma non il bagno e la cucina a meno in che quest’ultima non possiate crearne due più piccole con all’interno gli stessi elettrodomestici.

Dipende anche dalla grandezza del locale.

Predisporre delle tende nelle stanze non è un’operazione costosa e non bisogna essere degli esperti. Servono solamente pochi attrezzi come ad esempio un trapano per fare i fori nel muro, dei tasselli con viti autofilettanti e un avvitatore.

Per scoprire come fare è semplice e credetemi può farlo anche una donna. In Ikea ad esempio, se andate a comperare il bastone e la tenda potete guardare il video di come si fa a predisporle.

Se invece avete spazio, al posto delle tende potete piazzare dei mobili, ad esempio un guardaroba a dividere i due letti oppure in salotto una libreria.

Ci sono diverse soluzioni affinchè si possano creare spazi propri e arredarli con quel tocco in più che fa sembrare la nostra parte della casa davvero nostra.

Vi consiglio però di fare quei cambiamenti che occorrono anche secondo quanto tempo pensate di condividere casa.

Per sempre?

Potete costruire dei muri di cartongesso o compensato, tenuti in piedi da strutture apposite.

Per qualche anno?

Mobili e tende vanno benissimo.

Pochi mesi?

Resistete! Il tempo non sembra, ma passa in fretta. Concentratevi su altro e non pensateci!

Buona convivenza.

photo credits | skyhighliving

[Total: 0 Average: 0]

Ciao, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: