Tradimento, sospetto o realtà: fidarsi o non fidarsi

tradimento sospetto o realtà
tradimento sospetto o realtà

Il tradimento può essere un sospetto oppure una realtà, ma dobbiamo fidarci di ciò che ci suggerisce l’istinto? In pratica se hai il sentore che ti tradisca, nascondere la testa sotto la sabbia, come uno struzzo, non servirà a cambiare le cose.

Male che andasse scoprirai che è vero, al contrario potresti scoprire che ha problemi, pensieri o difficoltà di cui non ti ha parlato, ma non ti tradisce.

Purtroppo da sondaggi condotti pare che nel 99% dei casi oltre al sospetto c’è di più. Lo affermano gli investigatori privati che vengono assoldati per scoprire la verità. Ad essere sincere noi donne vorremmo sì dover assumere un investigatore, ma per scoprire che ci siamo sbagliate.

Purtroppo non accade mai e il sentore è PURA realtà. La maggior parte delle relazioni extra coniugali iniziano sul lavoro dove è più probabile che si incontri una persona nuova o la si riscopra vivendoci insieme così tante ore del giorno.

Se una donna sospetta un tradimento in genere inizia con il tentare di convincersi che non possa essere vero, poi si rende conto che invece lo è (lo sappiamo sempre), ma finge di non saperlo. Nonostante i segnali tace.

Un uomo fedifrago in genere è molto distratto dimentica quindi di pulirsi dal rossetto, non fa caso alla camicia sporca o odorosa di profumo femminile, non bada a capelli che potrebbero esserci sulla giacca, lascia in giro l’estratto conto della carta di credito dove appaiono strane spese (tra cui quelle di alberghi e motel).

Inoltre non si separa mai dal cellulare che squilla di continuo oppure che tiene, non si sa per quale ragione, sempre silenzioso. A chiamare o inviargli messaggi è sempre qualcuno di insospettabile. Non è raro che sia il miglior amico, disposto a coprirlo.

Un dubbio di tradimento non sorge per caso. È un campanello d’allarme che arriva da qualche parte. Giusto o sbagliato che sia è la manifestazione di un disagio della coppia. Se non altro chi ha paura di essere tradito si rende conto di qualcosa che non sta andando come dovrebbe.

Purtroppo spesso ci si riduce all’ultimo momento, quando ormai è troppo tardi, a fare i conti e tirare le somme di un rapporto. Le donne fingono di non rendersene conto per mille motivi.

Se invece è la donna a tradire le cose sono un po’ diverse. Noi stiamo più attente, prestiamo più attenzione ai dettagli, a nascondere le prove, ad evitare situazioni pericolose. Per gli uomini spesso il tradimento è una “scappatella”, per la maggior parte delle donne una cosa seria, l'”innamoramento” che giustifica il tradimento.

Quindi, fidarsi o non fidarsi dell’istinto che ci mette in guardia? Direi che la risposta è FIDARSI, ma dal punto di vista che, se siamo giunte a porci questa domanda abbiamo sentore di qualcosa che non va. meglio scoprire subito cosa. Chiudere gli occhi non cambia la situazione.

photo credits | cupidspeaks

Tessy

Sono una blogger e giornalista, amo scrivere!

2 pensieri riguardo “Tradimento, sospetto o realtà: fidarsi o non fidarsi

Ciao, lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: